Normativa

FILTRA
Risultati:
11
Leggi Tutto
To the TOP
Assicurazione Clienti Finali
Chiunque usi, anche occasionalmente, gas metano o altro tipo di gas fornito tramite reti di distribuzione urbana o reti di trasporto, beneficia in via automatica di una copertura assicurativa contro gli incidenti da gas, ai sensi della deliberazione 223/2016/R/gas dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico.
La copertura assicurativa è valida su tutto il territorio nazionale; da essa sono esclusi:

- i clienti finali di gas metano diversi dai clienti domestici o condominiali domestici dotati di un misuratore di classe superiore a G25 (la classe del misuratore è indicata in bolletta);
- i consumatori di gas metano per autotrazione

Le garanzie prestate riguardano: la responsabilità civile nei confronti di terzi, gli incendi e gli infortuni, che abbiano origine negli impianti e negli apparecchi a valle del punto di consegna del gas (a valle del contatore). L’assicurazione è stipulata dal CIG (Comitato Italiano Gas) per conto dei clienti finali. Per ulteriori dettagli in merito alla copertura assicurativa e alla modulistica da utilizzare per la denuncia di un eventuale sinistro si può contattare lo Sportello per il consumatore di energia al numero verde 800.166.654 o con le modalità indicate nel sito internet www.arera.it. In alternativa, le richieste possono essere inviate all’indirizzo di posta elettronica assigas@cig.it o via fax al numero 02 72001646. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito del CIG all’indirizzo www.cig.it.
Polizza di Assicurazione 2017-2021
Scarica +
Denuncia sinistri 2017-2021
Scarica +
Leggi Tutto
To the TOP
Accertamenti della Sicurezza Post Contatore
La Delibera 40/2014/R/GAS e s.m.i., entrata in vigore il 01 Luglio 2014, prevede azioni e obblighi finalizzati a garantire la sicurezza degli impianti gas utilizzati dal Cliente finale.
Il regolamento adottato dall'Autorità, pubblicato sul sito internet www.arera.it, pone l'obbligo, alle aziende di distribuzione, di subordinare l'inizio dell'erogazione del gas all'esito positivo dell'accertamento della documentazione che attesti, nel rispetto della normativa vigente, la corretta esecuzione dell'impianto.
La documentazione di cui sopra viene rilasciata dall’installatore al Cliente finale e dovrà essere inviata dal Cliente finale all’azienda di distribuzione locale unitamente ai moduli rilasciati dalla Società di Vendita.

Nel seguito riportiamo:
Allegato F/40
"Allegato informativo per richieste di preventivazione lavori pervenute al Venditore" riportante le procedure che permetteranno di ottenere, nel pieno rispetto dei criteri di sicurezza e nel più breve tempo possibile l'attivazione del suo impianto di utilizzo del gas o la riattivazione dello stesso in seguito a lavori di ampliamento, spostamento o manutenzione straordinaria dell’impianto.
Scarica +
Linee guida CIG n.11
"Linee guida CIG n°11" relative alle modalità secondo le quali dovrà essere effettuato l'accertamento documentale della sicurezza post contatore, complete del modello di rapporto tecnico di compatibilità e del modello di dichiarazione del progettista di rispetto della legislazione antiincendio.
Scarica +
Leggi Tutto
To the TOP
Servizio di Tutela
Le condizioni economiche di fornitura del gas naturale per i clienti finali in regime di tutela sono stabilite e periodicamente aggiornate dall’Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico (Allegato A alla Delibera ARG/gas 64/09).
Tali condizioni economiche prevedono l'applicazione di corrispettivi regolati (Cmem: componente relativa ai costi di approvvigionamento del gas naturale nei mercati all’ingrosso; CCR: componente relativa ai costi delle attività connesse all’approvvigionamento all’ingrosso; QVD: componente relativa alla commercializzazione della vendita al dettaglio costituita da una quota fissa e da una quota variabile dipendente dal consumo; GRAD e Cpr: componente per la gradualità nell’applicazione della riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela; componenti relative al servizio di trasporto, distribuzione, misura e relativa commercializzazione; QOA: componente relativa agli oneri aggiuntivi) e oneri fiscali (accise e IVA). 
Secondo quanto stabilito dall’AEEGSI, in fase di fatturazione, tali corrispettivi sono adeguati al PCS (potere calorifico superiore) relativo all’impianto di distribuzione cui è allacciato il PDR (punto di riconsegna del gas). Nel caso in cui il contatore non sia dotato di convertitore, i volumi di gas misurati in mc (metri cubi) vengono trasformati in smc (standard metri cubi) mediante l'applicazione del coefficiente di correzione “C”. 

Qui puoi visualizzare le Tariffe di tutela per le utenze domestiche e le Tariffe di tutela per le utenze "Condominio con uso domestico" 

In questa sezione è consultabile la Guida alla Lettura della Bolletta 2.0 introdotta dalla delibera 501/2014/R/COM e contenente una descrizione completa delle singole voci di spesa che vengono addebitate in fattura ai Clienti serviti nel regime di Tutela.
Leggi Tutto
To the TOP
Glossario
Il Glossario dei termini della Bolletta è uno strumento, definito dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico, che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di energia elettrica e gas, fornendo per ogni voce una spiegazione completa.
Glossario AEEG
Scarica +
Glossario AEEGSI del. 501/2014/R/COM
Scarica +
Leggi Tutto
To the TOP
Bonus Energia
Il Bonus Energia è una riduzione sulle bollette del gas e/o dell’energia elettrica riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

QUANTO VALE IL BONUS?
Il bonus consente un risparmio del 15% circa sulla spesa media annua presunta al netto delle imposte per la fornitura di gas metano e del 20% circa per la fornitura di energia elettrica.

COME RICHIEDERE IL BONUS
Per fare domanda occorre compilare gli appositi moduli e consegnarli al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i Centri di Assistenza Fiscale CAF).
I moduli sono reperibili sia presso i Comuni, sia sui siti internet dell’Autorità per l’Energia o del Ministero dello Sviluppo Economico (www.sviluppoeconomico.gov.it), sia sul sito Anci (www.bonusenergia.anci.it).
Leggi Tutto
To the TOP
Standard di Qualità Commerciale
L’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico (AEEGSI) definisce standard specifici e generali di qualità del servizio di distribuzione e vendita del gas naturale e dell’energia elettrica che le società di vendita e le società di distribuzione sono tenute a rispettare.
Standard di qualità commerciale
Scarica +
Leggi Tutto
To the TOP
Morosità
EFFETTI DEL MANCATO PAGAMENTO

Qualora il Cliente non abbia provveduto al pagamento della fattura entro la scadenza, riceverà una raccomandata di sollecito e costituzione in mora, con relative spese postali a carico, nella quale verrà indicato il termine ultimativo, non inferiore a 15 (quindici) giorni dalla data di invio, o non inferiore a 20 (venti) giorni dalla data di emissione della stessa.
Trascorsi ulteriori 3 (tre) giorni lavorativi da tale termine ultimativo, in costanza di morosità, sarà trasmesso, senza ulteriore preavviso, l’ordine di sospensione della fornitura al distributore locale e le successive spese di disattivazione e riattivazione (come da tariffario vigente del distributore locale per ogni punto di prelievo attivo con riferimento alla fornitura di gas naturale; contributo fisso, per oneri amministrativi, di 26,76 €, ridotto del 50% se l’utenza è già predisposta per la telegestione ed un eventuale addebito dei costi per la prestazione commerciale come indicato nei singoli contratti con riferimento alla fornitura di energia elettrica) saranno poste a carico del Cliente. Per i Clienti forniti in bassa tensione, qualora sussistano le condizioni tecniche del misuratore, il distributore effettuerà un’iniziale riduzione della potenza al 15% di quella disponibile.
Decorsi ulteriori 15 giorni, in costanza di morosità, si procederà senza ulteriore avviso alla sospensione della fornitura. In caso di sospensione effettuata senza che sia stata inviata la comunicazione di sollecito e costituzione in mora sarà riconosciuto un indennizzo automatico di 30 €; nel caso di mancato rispetto da parte di Gritti Energia dei termini sopra elencati e/o del termine massimo di 3 (tre) giorni lavorativi tra la data di emissione della comunicazione e la data di consegna al vettore postale sarà riconosciuto un indennizzo automatico di 20 €.
In tutti i casi sopraelencati non saranno richieste le spese di disattivazione/riattivazione. In ogni bolletta sono inoltre indicate eventuali bollette precedenti non pagate.
Leggi Tutto
To the TOP
Emergenza Terremoto Centro Italia
A seguito degli eventi sismici occorsi dallo scorso 24 agosto 2016, Gritti Energia ha recepito i provvedimenti dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI) che hanno disposto la sospensione dei termini di pagamento delle fatture per la fornitura di gas e/o energia elettrica emesse o da emettere con riferimento a forniture site nei Comuni colpiti dal sisma e l'adozione delle agevolazioni in favore delle medesime forniture, così come individuati nella delibera 252/R/2017/com.
Tali agevolazioni riconosciute per un periodo di 36 mesi a partire dalla data del sisma che ha causato l’inagibilità dell’immobile (24 agosto 2016, 26 ottobre 2016, 18 gennaio 2017), prevedono l’azzeramento dei corrispettivi per nuove connessioni/allacciamenti, disattivazioni, riattivazioni subentri e volture e la riduzione del 100% delle componenti di rete e gli oneri generali.
La fatturazione verrà ripresa, secondo quanto stabilito dalla delibera 312/2018/R/com, non oltre il termine ultimo del 31 marzo 2019 (e comunque non prima del 1 gennaio 2019). Entro tale termine ultimo Gritti Energia provvederà ad emettere un’unica fattura che tenga conto delle agevolazioni previste e degli importi eventualmente già pagati.
La fattura sarà rateizzata automaticamente, a meno che il cliente non preferisca provvedere al pagamento senza rateizzazione. In questo caso il cliente potrà richiedere di effettuare il pagamento della fattura unica in maniera non rateizzata.
Il piano di rateizzazione sarà comunicato al cliente contestualmente alla fattura unica e decorrerà dalla data di emissione della medesima. La fattura unica sarà rateizzata:
  • senza interessi a carico del cliente;
  • in 36 mesi, a decorrere dalla data di emissione della fattura unica;
  • coerentemente con la periodicità di fatturazione applicata al cliente finale;
  • sulla base di rate non inferiori a 20,00€;
  • se l’importo complessivo sarà superiore a 50,00€.
 

Sono considerati beneficiari automatici delle disposizioni:


- i Clienti titolari di almeno un contratto di fornitura attiva alla data del sisma nei Comuni di cui agli Allegati 1 e 2 e 2-bis, ad eccezione delle forniture attive site nei comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto.

- i Clienti alloggiati in strutture abitative di emergenza (SAE) adibite a civile abitazione e/o nei moduli abitativi provvisori rurali di emergenza (MAPRE) e/o alle utenze site nelle aree di accoglienza temporanea alle popolazioni colpite allestite dai Comuni e a quelle site negli immobili ad uso abitativo per assistenza alla popolazione.     Il termine di sospensione di 6 mesi dalla data del sisma è prorogato di ulteriori 6 mesi limitatamente ai clienti danneggiati che dichiarino l'inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al DPR 445/2000, con trasmissione agli enti competenti.



Sono considerati beneficiari non automatici delle disposizioni e devono quindi effettuare apposita richiesta:

- nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto i clienti danneggiati che dichiarino l'inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al DPR 445/2000, con trasmissione agli uffici dell'Agenzia delle entrate e dell'Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti.

- i clienti titolari di fornitura sita in altri Comuni delle Regioni interessate dagli eventi sismici (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria), e attiva alla data di tali eventi, che dimostrino il nesso di causalità diretto tra l’inagibilità dell’immobile in cui è sita la fornitura e gli eventi sismici verificatisi, comprovato da apposita perizia asseverata.

- altri clienti che abbiano subito a causa degli eventi sismici gravi danni alla propria abitazione di residenza e siano in grado di dimostrare l'inagibilità parziale o totale della stessa e il nesso di causalità con i menzionati eventi, comprovato da apposita perizia asseverata.

- i clienti alloggiati nei moduli temporanei abitativi (MAP) realizzati per i sismi dell’Abruzzo (2009) e dell’Emilia-Romagna (2012) o titolari di forniture temporanee ad uso abitativo, quali ad esempio roulotte e camper, ad esclusione di quelle associate agli attrazionisti viaggianti, che abbiano subito, a causa degli eventi sismici, gravi danni alla propria abitazione e siano pertanto in grado di dimostrare l'inagibilità parziale o totale della stessa e il nesso di causalità con i menzionati eventi, comprovato da apposita perizia asseverata.
  Nel caso in cui l’agibilità dell’unità immobiliare sia ripristinata, tutti i clienti che staranno usufruendo di agevolazione non automatica dovranno darne comunicazione a Gritti Energia entro 30 giorni in quanto il diritto all’agevolazione decade.



PORTABILITA’ PER BENEFICIARI AUTOMATICI E NON AUTOMATICI

Si segnala inoltre che il cliente avente diritto ad agevolazione – automatica e non – che alla data del sisma era residente nell’unità immobiliare divenuta inagibile, ha diritto a usufruire dell’agevolazione anche relativamente all’unità immobiliare in cui ha stabilito la residenza/domicilio successivamente all’evento sismico, indipendentemente dalla Regione in cui quest’ultima sia ubicata.

La documentazione sopra indicata (dichiarazione, copia del documento di riconoscimento e, qualora sia necessaria, perizia asseverata) e/o eventuale diverso indirizzo ai fini del recapito delle eventuali fatture e comunicazioni relativamente al punto di fornitura originario, potrà essere restituita: - via e-mail: servizioclienti@grittienergia.it - a mezzo fax: 848 000 032 - a mezzo posta: Gritti Energia S.r.l., via Nazionale, 36 – 37036 San Martino Buon Albergo (VR)


Gritti Energia ha anche sospeso tutte le eventuali azioni di recupero credito sulle fatture precedentemente emesse. Per le bollette già emesse prima della sospensione della fatturazione e la cui richiesta di pagamento è già stata inoltrata agli istituti di credito, chi ha sottoscritto la domiciliazione bancaria può chiedere al proprio istituto di credito il blocco del pagamento.



Per ogni ulteriore chiarimento è possibile chiamare il Servizio Clienti di Gritti Energia al numero verde 800 098 727 o al numero a pagamento da rete mobile 02 - 92804657.
Autodichiarazione per fornitura con portabilità
Scarica +
Autodichiarazione per forniture relative a MAP o forniture temporanee ad uso abitativo
Scarica +
Autodichiarazione per forniture relative ad abitazioni di residenza
Scarica +
Autodichiarazione per Comuni delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria esclusi da allegato 1 e 2
Scarica +
Autodichiarazione per Comuni Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto
Scarica +
Proroga sospensione termini di pagamento
Scarica +
Allegato 2bis: comuni colpiti dal sisma del 18 gennaio
Scarica +
Allegato 2: comuni colpiti dal sisma del 26 ottobre 2016
Scarica +
Allegato 1: comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016
Scarica +
Leggi Tutto
To the TOP
Conciliazione
A partire dal 01 gennaio 2017 l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico (delibera 209/2016/E/com) ha introdotto lo strumento del tentativo obbligatorio di conciliazione finalizzato a risolvere le controversie tra Operator/Gestori e Clienti finali di gas alimentati in bassa pressione/Clienti finali di energia elettrica alimentati in bassa e/o media tensione/Prosumer/Utenti finali.   Tramite il Servizio Conciliazione è possibile svolgere il tentativo obbligatorio di conciliazione necessario per l'accesso alla giustizia ordinaria; in alternativa tale tentativo può essere esperito dinanzi agli organismi di risoluzione extragiudiziale delle controversie (ADR), nei termini e nei modi indicati dalla Delibera AEEGSI 209/2016/E/com.
Il Servizio Conciliazione dell'Autorità è uno strumento gratuito a disposizione dei clienti finali di energia elettrica e gas, che agevola la risoluzione della controversia insorta con l'operatore (venditore e/o distributore di energia), facendo incontrare le parti via web o in call conference alla presenza di un conciliatore in veste di facilitatore dell'accordo che aiuta le parti a trovare un accordo senza dover ricorrere alle vie giudiziarie.   Per attivare la procedura il Cliente può presentare la domanda di conciliazione al Servizio Conciliazione dell’Autorità o agli organismi ADR, via web, posta o fax, direttamente o mediante un delegato, solo dopo aver inviato un reclamo al Venditore e dopo aver ricevuto da quest’ultimo una risposta ritenuta insoddisfacente oppure dopo che siano decorsi 50 (cinquanta) giorni dall’invio del predetto reclamo senza che sia stata fornita risposta alcuna. La domanda di conciliazione non può essere presentata oltre un anno dalla data di invio del reclamo.   Gritti Energia si impegna a partecipare per l’esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione da parte del cliente finale.   Nel seguito riportiamo ulteriori link consultabili per reperire informazioni utili e l’elenco degli organismi ADR:

- Delibera 05 maggio 2016 209/2016/E/com

- il servizio Conciliazione

il Servizio Conciliazione clienti energia

organismi ADR
Leggi Tutto
To the TOP
Piano Emergenza Gas
Informativa circa le disposizioni contenute nel Piano di Emergenza del sistema italiano del gas naturale
Con Decreto del 18 ottobre 2017 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in data 30 ottobre 2017), il Ministero dello Sviluppo Economico ha aggiornato il Piano di emergenza del sistema italiano del gas naturale per far fronte alla mancanza di copertura del fabbisogno di gas naturale in caso di eventi sfavorevoli conseguenti a condizioni climatiche avverse durante ciascun periodo invernale o a inattese riduzioni degli approvvigionamenti di gas naturale.
Il Piano di Emergenza definisce la tipologia e le modalità di attuazione degli interventi e individua le imprese del gas naturale e gli operatori del settore del gas naturale e dell’energia elettrica responsabili della loro attuazione.
Il Piano di Emergenza si fonda sui tre differenti livelli di crisi stabiliti dal Regolamento UE n.994/2010 (preallarme, allarme, emergenza) per ognuno dei quali sono identificate le misure da adottare al verificarsi della situazione di criticità.
In particolare si informano i clienti industriali della possibilità che venga loro richiesta la riduzione o l’interruzione della fornitura di gas in base alle misure di contenimento della domanda previste nel Piano di Emergenza.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Ministero dello Sviluppo Economico e prendere visione dell’Allegato al Decreto del 18 ottobre 2017.
Leggi Tutto
To the TOP
Evoluzione dei mercati al dettaglio
Clicca qui per maggiori informazioni:

www.arera.it
To the TOP
PRONTO INTERVENTO
Segnala qui il tuo problema. Il numero del tuo distributore è attivo tutti i giorni dell'anno 24/24h.

Gritti Energia S.r.l.

Sede Legale e Amministrativa: Via Nazionale 36 - 37036 San Martino B. A. (VR)
Codice Fiscale e n° iscr. R.I. Verona 00691570154 R.E.A. 282566 P.IVA 12039890152 Capitale Sociale € 500.000,00 i.v.
Società soggetta a coordinamento di Brimsco S.r.l.
Copyright© 2014-2015 Gritti Energia S.r.l. Tutti i diritti sono riservati.